martedì 3 luglio 2007

Lunedì 16 Luglio 2007, Reggio Emilia ALL'INFERNO CI VADO IN PORSCHE - THE PARTY



Il party più sfrenato dell’estate? Quello del 16 luglio al Bar Ristorante 380 (Ex-Stalloni), in via Dante a Reggio Emilia, con una serata a tema... INFERNO!
Gli invitati si immergeranno nelle atmosfere intriganti e maledette del romanzo “All’inferno ci vado in Porsche” di Pier Francesco Grasselli, edito da Mursia. Spettacolari ambientazioni, l'esposizione di Porsche da competizione e hostess mozzafiato faranno diventare reali le pagine dei romanzi più cool dell'estate.
La serata avrà inizio alle 21,00 con una cena (prenotazioni Patrik Magnani - cel. 320.09.85.734). Nel corso della serata Marco Gherpelli, voce della band correggese Errore 404 canterà in anteprima il brano “L’Ultimo Cuba Libre” ispirato all’omonimo romanzo e l’attrice Simona Mari leggerà ed interpreterà alcuni brevi passi tratti dal romanzo, seguita dalle Dirty Girls, che si esibiranno in una performance.

Ricordiamo che la linea di abbigliamento "UCL - L'Ultimo Cuba Libre" ispirata alle atmosfere dei romanzi di Grasselli, è oggi disponibile negli stores Ciak di Reggio Emilia (vicolo Trivelli) e Surf in Paradise di Parma (via Emilio Lepido) e presto anche in punti vendita di Milano, Roma e Riccione.

www.pierfrancescograsselli.com www.ultimocubalibre.com

4 commenti:

tutto_cecio ha detto...

oggi passavo allegramente in vicolo trivelli quando ho visto in vetrina la maglia del cuba libre.. non ci ho pensato più di due secondi a farla mia..

Pier Francesco ha detto...

G-R-A-N-D-E!

Rodrigo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Tatiana ha detto...

Solo per dirti - se mai leggerai il mio mail - che sono 2 dei migliori libri
che ho letto negli ultimi anni (e ti assicuro leggo abbastanza!).
Hai tutta la mia stima!!!
Ritengo infatti che per poter descrivere cosi' a fondo certi ambienti, certe
situazioni e certi stati d'animo tu debba in qualke modo averli vissuti in
prima persona: e il tuo merito e' proprio quello di essere riuscito a
distillare qualcosa di bello e di profondo da un mondo che non lo e'
affatto.